BergFest 2016

image

Maria Grazia Cucinotta ed Andy Luotto tra i nuovi 10 ambasciatori dell’Accademia del Bergamotto. La cerimonia di consegna dei mandati (e delle relative medaglie d’oro) è in programma questa sera a Reggio Calabria, nel corso dell’ormai mitica serata di gala, di Borgo Santa Trada al Pilone, che quest’anno sarà presentata da Eva Giambo. L’evento sarà preceduto da un simposio imperniato sulle molteplici virtù salutari e terapeutiche dell’esclusivo agrume calabrese e sui suoi derivati. I lavori, in programma presso il Museo del Bergamotto della Città dello Stretto, con inizio alle 19:00, saranno moderati dal giornalista Giuseppe Malara, del Tg1 Rai.
Il Commendatore Vittorio Caminiti, presidente dell’Accademia del Bergamotto e dell’annesso Museo reggino, intanto, ha reso note le 10 personalità a cui sarà conferito il prestigioso titolo di Ambasciatore del Bergamotto nel mondo.
Questo, l’elenco. Per il settore imprenditoria: Pietro Allegrini, Direttore Scientifico Indena Spa; per la Comunicazione: Fabrizio Casinelli, Direttore Radio Corriere TV – Rai; per la sessione Tradizioni: Lallo Circosta, attore, conduttore e presentatore; Per il Cinema e la Cultura: Maria Grazia Cucinotta, attrice, regista e produttrice cinematografica; per la sessione Bergamotto patrimonio dell’Umanità, Vincenza Lomonaco, Rappresentante permanente d’Italia presso l’Unesco; per la sessione Gourmet: Andy Luotto, chef e conduttore televisivo; per la Medicina nutrizionale: Tiziana Moltalcini, Nutrizionista e docente dell’Università degli Studi Magna Græcia di Germaneto-Catanzaro; per la Ricerca Scientifica: Saverio Muscoli, Presidente Giovani Cardiologi della Società Europea di Cardiologia; per la sessione Stampa e Tv: Raffaella Regoli, giornalista e autrice; per la Scienza Medica: Ross Walzer, Medico e cardiologo dell’Adventist Hospital Sydney.
Un Premio Speciale «Tabacchiera d’Oro 2016» (che simboleggia l’antichissima tabacchiera che un tempo veniva realizzata e aromatizzata con la buccia del bergamotto) verrà invece assegnato alla memoria del compianto giornalista di Gazzetta del Sud, Tonio Licordari, scomparso ultimamente. A ritirare il Riconoscimento sarà il figlio Natalino, anch’egli collega giornalista della stessa Testata.